Il tuo sportello con l’Europa
finanziamenti

I Fondi Europei!

La nuova programmazione dei fondi europei per il periodo 2014/2020 prevede fondi e programmi a gestione diretta dell’Unione Europea e delle sue agenzie ovvero:

  • HORIZON 2020 per la ricerca e l’innovazione (70 miliardi di Euro)
  • COSME per la competitività e lo sviluppo delle imprese
  • ERASMUS PLUS per l’Istruzione di base, secondaria ed universitaria, Formazione ed Educazione degli adulti, Istruzione e Formazione professionale, Gioventù e Sport
  • LIFE per l’ambiente
  • Europa per i Cittadini per gemellaggi tra città, etc.
  • Europa Creativa per la cultura

PROSEGUI ALL'INTERNO

Il cordoglio del Parlamento europeo per la deputata laburista Jo Cox

  Abbiamo fatto un minuto di silenzio per ricordare Jo Cox. Voglio riportare le parole degli amici inglesi che oggi l’hanno ricordata: “Jo era una politica integra e determinata. Sapeva che la politica può talvolta rivelarsi una battaglia aspra e tuttavia è sempre rimasta gentile. Noi tutti la rimpiangeremo.” Il mio pensiero va ai suoi cari.

Newsletter Eurodeputati PD: speciale Plenaria di Strasburgo

A questo link puoi trovare l’ultimo numero della newsletter degli Eurodeputati PD con il mio intervento sulla Politica Spaziale europea: http://goo.gl/0hcSXL

La mia Agenda

L’impegno quotidiano a Bruxelles, a Strasburgo e nel territorio

VEDI LA MAPPA

Contatti

Strasbourg
Tel. +33(0)3 88 1 75363
Fax +33(0)3 88 1 79363

Ufficio territoriale
Tel. 049 7335776
info@zanonato.it
Piazza dei Frutti, 36
35122 Padova (PD)

Facebook

SCIENZA & DEMOCRAZIA: la grande sfida della #ricerca in #Europa, il nesso tra Ricerca e #Sviluppo, i dati del declino dell'Università, il rapporto tra Scienza e Sinistra.
Oggi, ore 17.30, in Sala Anziani in Municipio a Padova.
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

La sinistra ha un leader, e nient'altro: l'eredità storico-politica, che fa parte della storia migliore del Paese, è stata derisa e svenduta a saldo, come se le idee e gli uomini si potessero rottamare al pari delle macchine. Ma dopo il salto nel cerchio di fuoco, spenti gli applausi, rimane solo la cenere...

La storia rottamata

di EZIO MAURO

Con tutto il vento seminato in questi ultimi anni, il Pd non può certo stupirsi della tempesta che ha raccolto domenica sera nelle urne. Quando la sorte e le circostanze trasformano un partito da forza di maggioranza relativa in perno del sistema politico-istituzionale e questa occasione storica viene dissipata, la politica si vendica, l'opinione pubblica si ribella e il voto lo certifica. (...) Quando si destrutturano i valori e i fondamenti culturali di storie politiche che hanno attraversato il secolo, rimane un deserto politico da presunto Anno Zero: teatro solo di performance, come se la politica fosse pura rappresentazione e interpretazione di pièce improvvisate ed estemporanee, senza un ancoraggio nella carne della società, nei suoi interessi legittimi, nelle sue forze vive. .... La sinistra sganciata dal sociale e dalla storia, si perde nel gesto politico fine a se stesso, dove tutto è istintivo e istantaneo, fino a diventare isterico. (...)
Desertificato di riferimenti culturali (che certo sono ingombranti, perché obbligano terribilmente) il campo della contesa disegnato dalla sinistra al potere diventa basico e nudo, con parole d'ordine elementari e radicali. Una su tutte: il cambiamento ma senza progetto, senza alleanze sociali, senza uno schema di trasformazione, cambiamento per il cambiamento, dunque soprattutto anagrafico, spesso con una donna al posto di un uomo. La rottamazione della storia si è portata via anche il deposito di significato, la traccia di senso che la storia lascia dietro di sé, comprese le competenze e naturalmente le esperienze, quel legame tra le generazioni che forma il divenire di una comunità e si chiama trasmissione della conoscenza, del sapere, delle emozioni condivise. Tutte cose che altrove fanno muovere le bandiere di un partito, consapevole di avere un popolo che in quelle insegne si riconosce. Solo da noi la bandiera della sinistra, ammesso che ci sia ancora, è floscia come se vivessimo sulla luna, dove non c'è vento. (...)
La sinistra ha predicato per tre anni che nulla della sua storia civica e politica valeva la pena d'essere salvato e indicato come riferimento, solo la germinazione spontanea del nuovo meritava attenzione, mentre la classe dirigente non andava rinnovata ma sostituita, come si fa con una gomma bucata. (...) alla prima resa dei conti, molti cittadini tra il "cambiamento di governo" di Renzi e il "cambiamento contro tutti" di Grillo hanno preferito la spallata. Perché governare e rottamare insieme è difficile, quasi impossibile. E soprattutto, governare senza una storia politica a far da cornice e dei valori di riferimento, diventa un'interpretazione autistica, staccata dal corpo sociale. Si irrideva alla competenza e all'esperienza, promuovendo ministro la famosa cuoca di Lenin? Bene, ecco gli apprendisti cuochi di Grillo, più nuovi del nuovo, digiuni delle cucine del potere, totalmente inesperti da sembrare ignoranti, così politicamente "ignoranti" da apparire innocenti, talmente innocenti da funzionare come garanzia non solo di novità ma molto di più: di alterità, come se venissero da un altrove ingenuo e incontaminato, per molti cittadini il mondo ideale residuo, dopo che della politica si è voluto coscientemente fare un deserto, chiamandolo partito della nazione. (...)
E qui, c'è l'ultima questione. Perché l'irruzione delle forze antisistema nel campo vuoto della politica è sicuramente una sirena d'allarme per Renzi, che forse ha esaurito il capitale politico della sua avventura, e oggi dopo aver svuotato il Pd fa i conti con la sua assenza. Ma è una campana a morto per il cosiddetto establishment , incapace di proiettare un'immagine civica di sé e di costruire una vera classe dirigente del Paese in grado di coniugare gli interessi particolari legittimi con l'interesse generale: più facile da domattina — scommettiamo? — lusingare il nuovo potere nascente, per mantenere una rendita di posizione, come sempre. Questa è la verità: gli antisistema vincono perché non c'è più il sistema. Ecco perché oggi la campana suona per tutti, suona per noi.
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Flavio Zanonato ha aggiunto una nuova foto. ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Presto per tirare conclusioni su questa drammatica sconfitta del PD, appena attenuata dal risultato di Milano. Spero che si avvii nel PD una discussione seria, senza le consuete "supercazzole" che spesso abbiamo dovuto sorbire. Bisogna prendere atto che il partito organizzato è ridotto ai minimi termini e che nessuno più se ne cura, che il mondo del lavoro dipendente, guardato ultimamente con fastidio, non ci considera più interlocutori e punto di riferimento, che non sappiamo più proporre un orizzonte ideale ai giovani e che la "sinistra" silenziosamente ma velocemente ci sta abbandonando. Non è un problema solo di Renzi, è un problema anche della sinistra del PD che resta sempre divisa ed è incapace di una proposta.
Bisogna fare presto perché c'è pochissimo tempo!
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Flavio Zanonato ha aggiunto un evento. ... Vedi di piúVedi meno

Scienza & Democrazia

giugno 24, 2016, 5:30pm

Sala Anziani, Palazzo Moroni, Padova

SCIENZA & DEMOCRAZIA La grande sfida della ricerca in Europa Il nesso tra Ricer...

Vedi su Facebook

Corbyn & Sanders, la lotta alle diseguaglianze e le nuove urgenze della sinistra anglosassone: sabato 18 giugno, ore 10.30, in Sala Nassiriya a Padova, sviluppiamo una riflessione con i Giovani Democratici sulla Sinistra per il XXI secolo. ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Oggi, ore 18.00, in Sala Paladin in Municipio a Padova: presentazione dell'ultimo libro di Goffredo Bettini, "La difficile stagione della Sinistra: impraticabilità di campo?". Un dialogo con l'autore, Sandro Gozi (Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio), Romano Benini (docente di Politiche del lavoro) ed Elio Armano (associazione Berlinguer). Sarà l'occasione per riflettere su cos'è la Sinistra e su come è possibile rilanciarla. Partecipate! ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

SONO PER FARE IL NUOVO OSPEDALE.

Sono per sfidare Zaia a farlo, dopo i 6 anni che ha perso in chiacchiere, gli ultimi due persi con le indecenti giravolte di Bitonci.

Sono per non fornire più alibi a questi "gatto e volpe". Quindi - anche se resto più che mai convinto della superiorità dell'area di Padova Ovest - la "questione area" la ritengo meno importante del fatto che bisogna - finalmente - partire.

A questo proposito, ci sono novità dopo l'ultimo incontro? Sinceramente non lo so: mi sembra lo stesso punto in cui eravamo nel 2010 quando con Galan, allora presidente della Regione, firmammo un protocollo insieme all'Università, all'Amministrazione Provinciale, all'Azienda Ospedaliera e ovviamente al Comune di Padova. Sono passati 6 anni: sono aumentati i disagi per i cittadini e la nostra eccellenza medica ha subito, ovviamente, dei colpi. Ed ora registro, purtroppo, le contraddizioni che sembrano portare in un vicolo cieco: manca infatti la variante urbanistica e ad oggi la previsione per il nuovo ospedale è ancora a Padova Ovest; manca l'accordo con i comuni della cintura e con la Provincia per un nuovo Pati; Bitonci continua a raccontare balle colossali sulla "palude" a Padova Ovest e sul fatto che quell'area costerebbe centinaia di milioni quando - espropriata a 30 € a mq - verrebbe a costare intorno ai 13 milioni: meno di quanto vale l'area che il Comune vuole regalare alla Regione. Poi mi insospettisce il fatto che Zaia chieda al Rettore di trovare soldi a Roma... Infine, l’inizio dei lavori nel 2019: è lontanissimo. E mi fa pensare – considerato il nulla di questi 6 anni - che sia un modo per evitare le polemiche e prendere, ancora, tempo.
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Flavio Zanonato ha aggiunto un evento. ... Vedi di piúVedi meno

La difficile stagione della Sinistra - Presentazione del libro

giugno 10, 2016, 6:00pm

Sala Paladin Palazzo Moroni Municipio di Padova

Venerdì 10 giugno, ore 18.00, Sala Paladin in Municipio a Padova Presentazione...

Vedi su Facebook

Twitter

TOP