ENERGY UNION, IL PARLAMENTO TORNA AL CENTRO DELLA SCENA

visione

“Contrariamente a tutte le previsioni, il Parlamento c’è e la sua linea sull’Unione dell’Energia è solida e convincente”. Lo dichiara Flavio Zanonato, relatore ombra del Gruppo S&D del Rapporto “Verso un’Unione dell’Energia a margine dell’adozione da parte del Parlamento europeo del Rapporto Grobarczyk.
“Il testo approvato punta con decisione sulle fonti rinnovabili e sull’efficienza energetica quali primi vettori per il raggiungimento degli obiettivi clima ed energia 2030 – continua l’eurodeputato – e tuttavia rilancia l’impegno per un mercato armonico veramente integrato, con una attenzione particolare alla fuga del carbonio e per prezzi competitivi e uniformi in tutti gli Stati membri”.
“Con soddisfazione – aggiunge Zanonato – posso rivendicare che questo Parlamento ha dato via libera a target nazionali vincolanti di efficienza energetica pari al 40%. Così facendo, l’Europarlamento si colloca in posizione molto avanzata rispetto a Commissione e Consiglio nella strategia di rafforzamento della sicurezza energetica”.
Per Zanonato “dopo gli insuccessi in Commissione Industria sul Market Stability Reserve e in Parlamento sulla Sicurezza Energetica, con l’approvazione di questo testo l’assemblea di Strasburgo ritorna al centro della scena e del dibattito inter-istituzionale sul futuro delle politiche energetiche. Il Parlamento europeo finalmente c’è”.