10 mosse per costruire un’industria europea per il terzo millennio

RITORNARE ALL’ECONOMIA REALE

L’economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l’Europa. La soluzione verrà dall’economia reale, da quei settori che producono veramente delle cose. D’altra parte, le misure prese dalla Banca Centrale Europea (BCE) negli ultimi mesi hanno dimostrato che la ripresa può essere ottenuta anche attraverso l’azione dell’Unione europea. L’Europa è stata a lungo una regione industriale leader e, in questi tempi turbolenti, è nostra responsabilità mantenere questa leadership a livello globale senza sacrificare il nostro modello sociale.

La chiave del futuro dell’Europa è una politica industriale intelligente. L’industria rappresenta circa un terzo del valore aggiunto lordo dell’Ue, con i beni industriali che contribuiscono a circa il 75% delle esportazioni europee. La nostra industria mantiene un posto di lavoro su tre, dando occupazione a circa 57 milioni di persone e rappresentando l’80% della spesa in Ricerca & Sviluppo.Considerando l’indotto, ogni posto di lavoro nell’industria crea circa altri due posti di lavoro nei relativi servizi e l’impatto sull’occupazione è colossale.


Gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo

L’INDUSTRIA AL CUORE DI TUTTE LE POLITICHE UE

1

PROBLEMA

L’industria dell’Europa sta perdendo terreno. I mercati emergenti producono a costi minori e molte aziende delocalizzano la propria produzione fuori dall’UE. Fino ad oggi, c’è stata un’evidente mancanza di riflessione strategica nelle politiche dell’UE e questo ha portato ad una politica industriale debole e inefficiente.

SOLUZIONE

L’Europa ha bisogno di più aziende. La re- industrializzazione dell’Europa deve essere una priorità trasversale ai settori per l’Unione europea. Tutti i nostri sforzi dovrebbero essere diretti a rendere l’UE una potenza industriale competitiva a livello globale. A questo scopo, tutte le altre politiche – ricerca, energia, fondi strutturali e di coesione, politica regionale, commercio, affari giuridici, mercato interno, pesca, ecc. - devono essere formulate avendo ben chiaro in testa la nostra politica industriale. L’industria gioca un ruolo centrale nella crescita sostenibile e per l’occupazione, e costituirà le fondamenta della nostra ripresa economica.

Industia UE
Ricerca Ricerca Ricerca

PROMUOVERE RICERCA E INNOVAZIONE

2

PROBLEMA

L’Europa sta rimanendo indietro nelle nuove tecnologie. Perché non c’è una Silicon valley europea?

SOLUZIONE

Investire di più in Ricerca, Sviluppo e Innovazione. E’ necessario dedicare risorse crescenti e creare reti innovative per mettere insieme università, centri di ricerca e aziende, coprendo l’intera catena del valore, coinvolgendo anche le PMI. L’Europa ha bisogno di un cambio di mentalità per migliorare il dinamismo all’interno delle università e delle aziende. C’è bisogno di flessibilità nel programma Horizon 2020 – lo strumento finanziario dell’Unione europea per la realizzazione di un’Unione della ricerca e dell’innovazione. La flessibilità nelle regole di partecipazione e l’apertura dovrebbero facilitare il flusso di idee e di informazione.

STIMOLARE LA CREATIVITÀ

3

PROBLEMA

L’Europa non sfrutta pienamente la propria creatività. Le menti migliori e più brillanti spesso lasciano l’Europa per andare a lavorare da qualche altra parte, portandosi con sé il potenziale di crescita e innovazione.

SOLUZIONE

Sostenere i giovani e incoraggiare le nuove idee, dare più spazio alle industrie creative, al design, all’arte, ecc. La registrazione di un brevetto dovrebbe essa resa più semplice e le scoperte della ricerca dovrebbero essere protette da un diritto d’autore adeguato.

Creatività
Creatività

QUALIFICHE E FORMAZIONE CHE REALIZZINO IL POTENZIALE DI OGNUNO

4

PROBLEMA

Una combinazione di alta disoccupazione giovanile e mancanza di un contesto adeguato per realizzare il massimo potenziale di ogni europeo chiude troppe porte ai giovani.

SOLUZIONE

Migliorare la qualità dell’educazione. Serve flessibilità per permettere un pieno sviluppo personale, delle capacità migliori e dei sistemi innovativi di apprendimento e formazione. Dovrebbero essere date nuove formule ai giovani affinché inizino a lavorare mentre studiano, come la Garanzia Europea per i Giovani. Questo faciliterà la transizione verso un lavoro a tempo pieno. Investire nelle persone è fondamentale se vogliamo avere un’industria europea capace di gestire le maggiori sfide sociali in modo socialmente sostenibile. La conoscenza non ha età e l’Europa deve investire nella formazione permanente.

INCLUSIONE DEI LAVORATORI PER PERMETTERGLI DI CONDIVIDERE UNA VISIONE

5

PROBLEMA

Grandi licenziamenti e lavoratori demoralizzati. Quelli abbastanza fortunati da conservare il proprio posto di lavoro spesso si sentono soltanto una ruota dell’ingranaggio. Hanno bisogno di condividere una visione comune e di sentirsi una parte considerata di un progetto più ampio.

SOLUZIONE

Meno gerarchia e più partecipazione. Dare fiducia ai lavoratori e sviluppare un’atmosfera di lavoro inclusiva. Costruire fiducia con i sindacati e promuovere un autentico dialogo sociale, la partecipazione dei lavoratori e un maggiore coinvolgimento dei consigli di fabbrica.

Creatività
Piccole e Medie Imprese

PICCOLE E MEDIE IMPRESE

6

PROBLEMA

Le PMI europee (inclusi gli artigiani, le micro imprese, quelle gestite a livello familiare o le aziende dell’economia sociale) dipendono ancora largamente dai propri mercati domestici nonostante le opportunità fornite dal mercato unico allargato e dalla globalizzazione. Le PMI devono affrontare la forte concorrenza delle multinazionali con migliore accesso a prezzi più bassi e a costi minori del lavoro.

SOLUZIONE

Migliorare la competitività delle PMI promuovendo le nuove tecnologie, limitando i costi energetici, promuovendo una legislazione che incoraggi le assunzioni, riducendo la burocrazia e sviluppando un’amministrazione pubblica moderna che sostenga le PMI.

UNA STRATEGIA INTERNAZIONALE PER IL COMMERCIO

7

PROBLEMA

L’Europa ha una bilancia commerciale negativa. In un mondo globalizzato, le aziende hanno bisogno di essere in grado di confrontarsi con una concorrenza crescente da parte delle economie sviluppate ed emergenti e di sfruttare le opportunità fornite dai nuovi mercati di questi Paesi. C’è un legame diretto tra internazionalizzazione delle aziende e migliori prestazioni. Le attività internazionali rafforzano la crescita, aumentano la competitività e sono alla base della sostenibilità a lungo termine delle aziende.

SOLUZIONE

Dobbiamo aprire nuovi mercati ai nostri prodotti. Siamo competitivi sulla qualità e sugli alti standard. Sui diritti ambientali, lavorativi e sociali. Dobbiamo introdurre una nuova filosofia nel commercio internazionale. Lo chiedono i cittadini responsabili.

Commercio
Energia

RISPARMIO ENERGETICO

8

PROBLEMA

Dipendenza da importazioni energetiche (petrolio e gas) sempre più costose; l’industria concentra i propri sforzi sul taglio del costo del lavoro, piuttosto che su quello dell’energia.

SOLUZIONE

Solo il 20% dei costi deriva dal lavoro, mentre il 40% è rappresentato dall’energia. Tagliamo la bolletta energetica! E con questa le emissioni. L’efficienza energetica ha un potenziale enorme per ridurre i costi. Lo sviluppo di fonti energetiche pulite e sostenibili, come le rinnovabili, fornirà un’energia sicura e stabile nel lungo termine.
Investimenti in efficienza energetica e in energia pulita = investimenti in Europa, stimolo all’industria e creazione di posti di lavoro. Un euro speso in Europa vale molti euro spesi fuori in importazioni di petrolio e gas.

AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ

9

PROBLEMA

Il modello attuale è insostenibile, costoso e crea dipendenza da regioni e partner instabili.

SOLUZIONE

Sviluppo di tecnologie ed energie amiche dell’ambiente: trasporti, inquinamento, qualità dell’aria, contaminazione delle acque e dei mari sono problemi crescenti nelle economie emergenti come Cina, Brasile e India. Noi possiamo vendergli la soluzione. Sviluppare anche le tecnologie per il riciclo.
Anche le materie prime sono essenziali. Ad esempio i cellulari hanno bisogno di metalli e materie prime preziose, eppure solo l’1,5 per cento viene riciclato. Sviluppare il settore del riciclo e investire nell’occupazione legata all’efficienza delle risorse, ridurre la dipendenza e aumentare la competitività.

Ambiente Sostenibiità
Investimenti

INVESTIMENTI E ACCESSO ALLA FINANZA

10

PROBLEMA

Le aziende – soprattutto le PMI e le micro imprese – incontrano difficoltà nell’avere accesso alla finanza e al capitale di rischio.

SOLUZIONE

Le industrie, soprattutto le PMI e le micro imprese, dovrebbero avere accesso ai finanziamenti. Ci sono linee di bilancio europee disponibili come il COSME – il nuovo programma UE per migliorare l’accesso alla finanza delle PMI – o della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), ma dobbiamo anche sviluppare strumenti finanziari innovativi. Queste linee esistenti e quelle nuove dovrebbero essere utilizzate insieme agli altri strumenti dell’UE, come le linee di bilancio per la politica di coesione o per il programma settennale di ricerca Horizon 2020. L’UE deve sviluppare una rete di servizi di sostegno alle imprese per aiutarle a migliorare la propria competitività e per esplorare le opportunità di business nel Mercato Unico e nei Paesi terzi.

Contatti

Strasbourg
Tel. +33(0)3 88 1 75363
Fax +33(0)3 88 1 79363

Ufficio territoriale
Tel. 049 7335776
info@zanonato.it
Piazza dei Frutti, 36
35122 Padova (PD)

Facebook

Qualcuno capisce..
youtu.be/S8JdwcDkwlI
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

RENZISMO

"Prima iniziò a parlare di rottamazione, e fui contento perché ero giovane (e magari ne approfittavo anch'io).

Poi partì la polemica contro la la CGIL, e stetti zitto, perché il sindacato aveva troppo potere (ed era pure noioso, in fondo la CGIL rappresenta solo 6 milioni di lavoratori e pensionati).

Poi tolse l'articolo 18, e fui sollevato perché mica ero un lavoratore dipendente (e più precariato per tutti è giusto, mal comune mezzo gaudio).

Poi venne a prendersela con la Costituzione, e dissi "Sì" perché bisogna pur innovare e cambiare.

Poi disse che avrebbe lasciato la politica, e non dissi nulla perché in fondo sapevo che non l'avrebbe fatto mai.

Poi promise di fare un congresso vero, e andarono a votare un milione di persone in meno, e io rimasi dentro a fare la mosca cocchiera.

Oggi il PD non rappresenta più il popolo della sinistra e non è più rimasto nessuno dentro a protestare".
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

RENZISMO

"Prima iniziò a parlare di rottamazione, e fui contento perché ero giovane (e magari ne approfittavo anch'io).

Poi partì la polemica contro la la CGIL, e stetti zitto, perché il sindacato aveva troppo potere (ed era pure noioso, in fondo la CGIL rappresenta solo 6 milioni di lavoratori e pensionati).

Poi tolse l'articolo 18, e fui sollevato perché mica ero un lavoratore dipendente (e più precariato per tutti è giusto, mal comune mezzo gaudio).

Poi venne a prendersela con la Costituzione, e dissi "Sì" perché bisogna pur innovare e cambiare.

Poi disse che avrebbe lasciato la politica, e non dissi nulla perché in fondo sapevo che non l'avrebbe fatto mai.

Poi promise di fare un congresso vero, e andarono a votare un milione di persone in meno, e io rimasi dentro a fare la mosca cocchiera.

Oggi il PD non rappresenta più il popolo della sinistra e non è più rimasto nessuno dentro a protestare".
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

BASTA CON I VIOLENTI
Leggo che secondo il Pedro sarebbero stati aggrediti dalla Polizia... balle stratosferiche.
Leggiamo l'articolo 17 della Costituzione: I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz'armi.
...
Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.
Si evidenziano due cose:
1. SENZA ARMI ,le bombe carta sono armi!
2.Solo le autorità possono vietare "per comprovati motivi di sicurezza" le manifestazioni. Il Pedro NON ha questa facoltà!!
Purtroppo vedo profilarsi una brutta deriva.
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Dedicato ai compagni con il prosciutto sugli occhi.

Ci sono ancora commentatori politici, e anche qualche compagno (sic!), che accusano noi di "Articolo uno" di essere la causa o la concausa delle difficoltà del PD e di Renzi... insomma del PDR. Mi ricordano la famosa favola del lupo e dell'anello di Fedro.
Vi ricordate? Il lupo che sta in alto accusa l'agnello che sta in basso di sporcare l'acqua del ruscello dove stanno entrambi bevendo.
Noi, dopo essere stati vittime della rottamazione (si é capito molto presto che la rottamazione riguardava solo i compagni con una storia di sinistra, non i pidduisti) saremmo i "carnefici" di Renzi.. in effetti abbiamo la colpa di non esserci suicidati, di aver tenuto in vita quel che resta della sinistra italiana.

Ad rivum eundem lupus et agnus venerant,
siti compulsi. Superior stabat lupus,
longeque inferior agnus. Tunc fauce improba
latro incitatus iurgii causam intulit;
'Cur' inquit 'turbulentam fecisti mihi
aquam bibenti?' Laniger contra timens
'Qui possum, quaeso, facere quod quereris, lupe?
A te decurrit ad meos haustus liquor'.
Repulsus ille veritatis viribus
'Ante hos sex menses male' ait 'dixisti mihi'.
Respondit agnus 'Equidem natus non eram'.
'Pater hercle tuus' ille inquit 'male dixit mihi';
atque ita correptum lacerat iniusta nece.

Haec propter illos scripta est homines fabula
qui fictis causis innocentes opprimunt.
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Il "soliti" estremisti si attivano per far tornare la destra a Padova, nei tre anni di Bitonci tutto è andato bene per il Pedro, RC non si è mai attivata. Adesso con la nuova amministrazione si attivano... strano? Forse no! ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Condivido quasi completamente questo intervento di Tomaso Montanari (non mi convince la parte sul referendum) quello che mi rammarica è che tanti compagni non se ne rendano conto ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Stasera, ore 20.45, in Sala Paladin in Municipio a Padova: "L'Europa e l'America di Trump: i nuovi scenari". ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

“L'Europa e l'America di Trump”: martedì 11 luglio, alle ore 20.45, in Sala Paladin a Palazzo Moroni a Padova.

I nuovi scenari dei rapporti tra l'Unione Europea e gli Stati Uniti d'America con la presidenza Trump: lotta ai cambiamenti climatici, commercio internazionale, equilibri geopolitici.

Un dialogo con l'introduzione di Arturo Lorenzoni, Vicesindaco di Padova, e con gli interventi di Carlo Fumian, Professore di Storia Contemporanea, Università degli Studi di Padova; Antonio Panzeri, Eurodeputato S&D Commissione Affari esteri; Piero Ruzzante, Consigliere Regionale Articolo 1 Movimento Democratico e Progressista e Massimo D'Alema, Presidente Fondazione ItalianiEuropei.
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Padova, martedì 11 luglio, ore 20.45
Sala Paladin, Palazzo Moroni – Padova

I nuovi scenari dei rapporti tra l'Unione Europea e gli Stati Uniti d'America con la presidenza Trump: lotta ai cambiamenti climatici, commercio internazionale, equilibri geopolitici.

Un dialogo con l'introduzione di Arturo Lorenzoni, Vicesindaco di Padova, e con gli interventi di Carlo Fumian, Professore di Storia Contemporanea, Università degli Studi di Padova; Antonio Panzeri, Eurodeputato S&D Commissione Affari esteri; Piero Ruzzante, Consigliere Regionale Articolo 1 Movimento Democratico e Progressista e Massimo D'Alema, Presidente Fondazione ItalianiEuropei.
... Vedi di piúVedi meno

L'Europa e l'America di Trump

luglio 11, 2017, 8:45pm - luglio 11, 2017, 11:00pm

Padova, martedì 11 luglio, ore 20.45 Sala Paladin, Palazzo Moroni – Padova I...

Vedi su Facebook

Twitter

TOP