Quale Europa di fronte all’America di Trump?

banner_evento_nuovadata_rossi

Enrico Rossi giovedì, ore 18.00, in Sala della Carità a Padova

QUALE EUROPA DI FRONTE ALL’AMERICA DI TRUMP?

PADOVA. Enrico Rossi giovedì a Padova. Il presidente della Toscana – tra i leader di “Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista” -parteciperà giovedì, 23 marzo, alle 18.00, nella Sala della Carità di via San Francesco a Padova ad un dibattito promosso dai Socialisti & Democratici, con l’eurodeputato Flavio Zanonato. Il tema è quello del rapporto tra l’Europa e gli Stati Uniti dopo l’avvento di Trump. Interverranno anche il docente universitario Giulio Peruzzi e il ricercatore di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali Marco Morini, coordinerà Valeria Zampieri, dottoressa in Scienze Politiche. 

“Abbiamo deciso di riflettere sui nuovi equilibri mondiali determinati dalla guida di Trump dopo l’annuncio della corsa al riarmo da parte degli Usa”, spiega Zanonato, “e quindi negli Stati Uniti sta nascendo una reazione importante, che si può allargare a tutto il mondo, un rinnovato impegno da parte del movimento pacifista. Dall’altra parte ci interessa approfondire quale sarà la politica estera di Trump, la linea che terrà nei confronti dell’Europa, quale nuovo equilibrio cercherà con la Cina. Si tratta di processi sui quali è necessario riflettere e far crescere una consapevolezza”, aggiunge l’europarlamentare. I dati del primo budget di Trump sono emblematici: Difesa +10%, Istruzione -14%, Sanità -16%, Protezione Ambiente -31%.

Nel corso della serata un forte accento verrà dato anche all’analisi sul consenso ricevuto dal miliardario alla Casa Bianca da parte di lavoratrici e lavoratori: “Gli operai hanno votato il “tycoon”, e in generale il voto dei lavoratori dipendenti viene intercettato con maggiore facilità dalla destra populista e non dai progressisti democratici. Con Enrico Rossi ragioneremo anche sulle azioni che consentano alla Sinistra – che attraversa una crisi in tante realtà occidentali – di fare la Sinistra, intercettando il voto popolare”, conclude Zanonato.