La Sinistra in Italia e in Europa

banner_evento_d'alema_3marzo

Oggi alle 18.00 D’Alema a Padova

Globalizzazione selvaggia e diseguaglianze: una forte domanda di Sinistra

 

PADOVA. Massimo D’Alema a Padova per un dialogo sul ruolo della Sinistra in Italia e in Europa. L’ex premier e ministro degli Esteri interverrà oggi, alle 18.00, alla Fornace Carotta, in via Siracusa, a Padova. Un dialogo promosso da Flavio Zanonato, con i Socialisti & Democratici europei, al quale porteranno un contributo anche il docente di Scienza Politica dell’Università di Padova Marco Almagisti, il deputato Davide Zoggia e il consigliere regionale Piero Ruzzante. L’appuntamento arriva in un momento caldo della politica nazionale, con la novità di “Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista”, al quale a Padova hanno aderito sia Zanonato che Ruzzante. “Dobbiamo riconnettere la sinistra al suo popolo e ai suoi valori: ridurre le diseguaglianze, combattere la povertà, restituire dignità al lavoro”, osserva l’eurodeputato, “e solo con questa riconnessione potremo far fronte alle sfide di questo tempo. Il nuovo movimento lanciato da Speranza e Rossi, e che ha trovato l’appoggio anche di Bersani e D’Alema, vuole essere un nuovo inizio per il centrosinistra, che deve essere una forza in grado di restituire fiducia ed entusiasmo a lavoratrici e lavoratori, giovani, mondo della scuola, ultimi e penultimi”. Il ragionamento di stasera con il presidente della Fondazione ItalianiEuropei avrà un respiro ampio, che andrà ben oltre i confini nazionali: “Siamo in una fase di ripiegamento della globalizzazione, il capitalismo finanziario è entrato in crisi, protezioni e diritti sociali sono stati colpiti, siamo diventati subalterni ad una cultura che vede nel sindacato un nemico”, osserva Zanonato, che ribadisce: “Va invertita la rotta, con forza e determinazione, e come Sinistra dobbiamo assolutamente fare tutto questo alzando gli occhi sul mondo, sulle sue contraddizioni e complessità. Servono energie intellettuali e generosità, contiamo nel desiderio di riscatto dei giovani e in un rinnovato impegno di compagne e compagni che avevano perso interesse per la politica”.