Politica spaziale europea, opportunità economica e sociale

FullSizeRender-3

Intervento introduttivo di Flavio Zanonato su “SR2S – Space Radiation Superconducting Shield” – Schermature da radiazioni spaziali superconduttive per missioni di esplorazione.

Sono lieto di ospitare qui oggi al Parlamento Europeo le conclusioni del progetto SR2S, un progetto di enorme portata e di grande valore scientifico che si propone di sviluppare tecnologie per proteggere gli astronauti dalle radiazioni provenienti dal sole e dai raggi cosmici nel corso di missioni di esplorazione planetaria nello spazio. Il progetto infatti si è proposto di studiare le tecnologie necessarie per lo sviluppo di un sistema di schermatura attiva basata su magneti superconduttori, un vero e proprio scudo magnetico, che sfrutta la superconduttività per eliminare il consumo di energia e ridurre al minimo il peso della struttura magnetica. É noto -naturalmente agli esperti- che il problema delle radiazioni rappresenta uno dei principali ostacoli per l’esplorazione spaziale da parte di equipaggi umani. Infatti, allontanandosi dai limiti della magnetosfera terrestre, viene meno il corrispondente effetto protettivo nei confronti delle particelle di alta energia che hanno origine sia dal sole che dalla nostra galassia e dal cosmo. Un’esposizione di lungo periodo ai raggi cosmici e alle particelle energetiche solari aumenta la probabilità di ammalarsi di vari tipi di cancro. Si stima che un astronauta impegnato in una missione interplanetaria può raggiungere la dose massima di radiazione consentita in tutta la sua carriera in meno di due anni e quindi se non si trova il modo di proteggere gli astronauti dalle radiazioni cosmiche, ad esempio, il viaggio su Marte -il più vicino dei pianeti- per equipaggi umani sarà praticamene impossibile.
Data l’importanza del tema, l’incontro di oggi costituisce un’eccellente opportunità per illustrare i risultati raggiunti dal progetto SR2S, che ha consentito appunto la realizzazione di prototipi tecnologici innovativi per la protezione degli astronauti che svolgono missioni di lunga durata.
Il progetto SR2S, è durato tre anni ed è iniziato nel Gennaio 2013. Finanziato in buona parte dall’Unione nel 7° Programma quadro è stato coordinato dal Prof Roberto Battiston, dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e Università di Trento, che purtroppo oggi non è riuscito ad essere con noi perché in missione, ma del quale a breve vedremo un contributo video. Il progetto ha visto inoltre la partecipazione delle due maggiori società aerospaziali europee, Thales Alenia Space e Compagnia Generale per lo spazio (CGS Spa), insieme al CERN, al Commissariato all’energia atomica e alle energie alternative (CEA) e alla Columbus Superconductor. Vi hanno partecipato rappresentanti dell’ONU, dell’ ESA, della NASA e di diverse Università e Istituti di Ricerca.
Prima di lasciarvi al video del Prof. Battiston, e dare la parola al Dott. Bertrand Baudouy (ricercatore del CEA, Commissariato per l’energia atomica e le energie alternative), al Dott. Riccardo Musenich ricercatore anche lui dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e al Dott. Eddy Shaw (capo delle pubbliche Relazioni della Carr Communication, partner del progetto) che sono tutti qui al mio fianco e che colgo l’occasione per salutare e che interverranno sulle questioni tecniche del progetto e saranno pronti a rispondere alle eventuali domande, vorrei fare un’ultima riflessione più generale sull’importanza di una POLITICA SPAZIALE EUROPEA efficace, ben integrata e che favorisca la ricerca in questo campo. In tutti i paesi del mondo infatti i governi stanno investendo per sfruttare le potenzialità dello spazio e in Europa dobbiamo mirare ad essere tra i più competitivi in questo settore. Per fare questo dobbiamo assicurarci di avere gli strumenti di ricerca, le infrastrutture e un’industria adatte a sviluppare e gestire tutti quei servizi che possono nascere dalle tecnologie spaziali. La politica spaziale europea si basa su tre assi principali: Galileo, Copernicus e la ricerca scientifica. Come membro della Commissione Industria e dell’intergruppo Sky and Space mi sono impegnato per far sì che nei tagli necessari al bilancio europeo i fondi per la ricerca fossero salvaguardati il più possibile perché credo fermamente che solo dalla ricerca scientifica e dalle sue molteplici ricadute possa nascere la vera ripresa, economica, sociale e culturale dell’Unione Europea.

La Commissione Europea, con il sostegno del Parlamento, sta lavorando allo sviluppo delle infrastrutture:

– a settembre sono stati lanciati con successo altri due satelliti di Galileo, il programma dell’Unione europea volto a sviluppare un sistema globale di navigazione satellitare (GNSS) sotto il controllo civile. Galileo consentirà agli utilizzatori in tutto il mondo di conoscere la loro posizione esatta nel tempo e nello spazio con grande precisione e affidabilità. Una volta completato, il sistema Galileo consisterà di un parco di 30 satelliti e dell’infrastruttura a terra necessaria per controllarli e assicurare l’erogazione di servizi di navigazione. Inoltre, gli utilizzatori avranno bisogno di ricevitori per captare ed elaborare i segnali.
– il programma Copernicus, che è il programma europeo di osservazione e monitoraggio regolari dell’atmosfera, degli oceani e delle superfici continentali, fornendo informazioni garantite a sostegno di una vasta gamma di applicazioni e decisioni ambientali e di sicurezza. Lo scopo principale, infatti, è quello di garantire all’Europa una sostanziale indipendenza nel rilevamento e nella gestione dei dati sullo stato di salute del pianeta, supportando le necessità delle politiche pubbliche europee attraverso la fornitura di servizi precisi e affidabili sugli aspetti ambientali e di sicurezza. Copernicus ha i suoi primi due satelliti dedicati in orbita e le stazioni terrestri in grado di gestire i dati si stanno strutturando in rete. Il programma è inoltre un motore della crescita economica e incoraggia le piccole e medie imprese a sviluppare servizi orientati all’utenza, creando in tal modo crescita e occupazione in un settore dell’economia chiaramente orientato al futuro

– inoltre, presto avremo una piattaforma completamente europea per il lancio dei nostri satelliti. Cosa che ci darà grande indipendenza nello sviluppo dei nostri programmi spaziali contribuendo ad una maggiore sicurezza.

I costi dei nostri programmi spaziali sono modesti. Ogni anno l’Unione Europea investe tra due e tre euro per ogni cittadino nella ricerca spaziale in Galileo e Copernicus. Dobbiamo assicurarci di ottenere il massimo beneficio dai nostri sforzi collettivi sviluppando una struttura di governance adeguata a coordinare e a focalizzare gli sforzi verso le nostre priorità condivise. È necessario inoltre che ci sia una cooperazione effettiva tra la Commissione Europea, l’ESA e le agenzie spaziali nazionali per definire roadmaps coerenti per la ricerca futura e per attività innovative. Per essere leader nel settore dello spazio bisogna mantenersi dinamici e per questo programmi come Galileo e Copernicus devono correre di pari passo con la ricerca, per essere leader anche nel futuro. Non dobbiamo dimenticarci inoltre che le attività spaziali giocano un ruolo fondamentale nelle relazioni internazionali dell’Unione in quanto contribuiscono a determinare lo status dell’Unione come attore globale oltre a permetterci di partecipare in prestigiosi programmi internazionali di cooperazione. Per tutte queste ragioni questa ancora giovane politica comune dello Spazio ha bisogno di tutto il supporto che può ottenere a livello politico per facilitare la riflessione sullo sviluppo di nuove iniziative nel campo spaziale e per sviluppare a pieno le potenzialità di sviluppo, impiego e competitività. Voglio anche sottolineare che il supporto alla politica spaziale non è importante solo da un punto di vista economico ma anche da un punto di vista sociale. Moltissimi sono infatti i settori in cui la ricerca spaziale sta rendendo un servizio alla società, primo tra tutti nella sfida sul cambiamento climatico. Ma penso anche al digital divide che può essere superato grazie a infrastrutture spaziali o alla gestione delle prime fasi delle situazioni di emergenza. Questo solo per ribadire quanto il supporto alla ricerca sia fondamentale in questo settore e per questo ancora una volta vi ringrazio per essere qui oggi e lascio la parola a chi alla ricerca sta dedicando la propria vita.

Contatti

Strasbourg
Tel. +33(0)3 88 1 75363
Fax +33(0)3 88 1 79363

Ufficio territoriale
Tel. 049 7335776
info@zanonato.it
Piazza dei Frutti, 36
35122 Padova (PD)

Facebook

Dall’uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: “Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio”.
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
“Viva la pace, abbasso la guerra”.
Gianni Rodari
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Effetti collaterali ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

A tutti gli amici di Facebook tantissimi auguri di buona Pasqua ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Un bell'intervento di Elio Armano

L’orgoglio di esser veneti per poter essere europei.

L’u­ni­tà eu­ro­pea è qual­co­sa di più, molto di più dei pur im­por­tan­ti trat­ta­ti che, im­prov­vi­sa­men­te e fi­nal­men­te, pa­io­no ri­sco­prir­si in que­sti gior­ni, qual­co­sa di più dei re­go­la­men­ti e del­l’eu­ro cui si at­tri­bui­sco­no, er­ro­nea­men­te, trop­pe colpe e re­spon­sa­bi­li­tà che tro­va­no ori­gi­ne, in­ve­ce, nella crisi epo­ca­le in­ne­sca­ta nel 2008 dai truf­fa­to­ri di Wall Street e nel­l’i­na­de­gua­tez­za po­li­ti­ca e cul­tu­ra­le di quel­li che con­ti­nuia­mo a chia­ma­re “grup­pi di­ri­gen­ti”. E’ ciò che da qual­che set­ti­ma­na, alle 14 di ogni do­me­ni­ca, vo­glio­no espri­me­re quei cit­ta­di­ni eu­ro­pei che si ri­tro­va­no nelle piaz­ze delle gran­di città, sven­to­lan­do la ban­die­ra d’Eu­ro­pa e dif­fon­den­do l’In­no alla gioia di Bee­tho­ven; un’i­ni­zia­ti­va spon­ta­nea che sot­to­li­nea come l’Eu­ro­pa ap­par­ten­ga in­nan­zi­tut­to ai cit­ta­di­ni e possa es­se­re forte e giu­sta solo gra­zie alla loro par­te­ci­pa­zio­ne. Do­vrem­mo farlo anche noi nel no­stro Ve­ne­to, con­tro l’i­gno­ran­za, l’in­tol­le­ran­za e la vio­len­za, per for­tu­na fin qui sol­tan­to ver­ba­le, che av­ve­le­na l’a­ria che re­spi­ria­mo; per­ché il ri­schio della de­ri­va è forte e ab­bia­mo ben visto, pur­trop­po, come anche i ve­ne­ti ab­bia­no pa­ga­to un prez­zo al­tis­si­mo alle guer­re dei na­zio­na­li­smi, dai lon­ta­nis­si­mi tempi del Ru­zan­te a quel­li più re­cen­ti della Prima e della Se­con­da guer­ra mon­dia­le, come ci ri­cor­da il no­stro mai ab­ba­stan­za letto Mario Ri­go­ni Stern. Per non farci so­praf­fa­re dalle si­re­ne dei luo­ghi co­mu­ni e della fa­ci­le re­to­ri­ca del­l’es­se­re pa­ro­ni a casa no­stra, è im­por­tan­te ri­cor­da­re il ruolo che sto­ri­ca­men­te la no­stra gente ha avuto nella crea­zio­ne del­l’u­ni­tà eu­ro­pea: le mi­glia­ia e mi­glia­ia di emi­gran­ti ve­ne­ti che hanno la­vo­ra­to in Eu­ro­pa, sono stati am­ba­scia­to­ri in­con­sa­pe­vo­li del pro­ces­so di in­te­gra­zio­ne, so­prat­tut­to i tanti che si sono ra­di­ca­ti nel Paese che li ha ac­col­ti senza mai rom­pe­re con le loro ori­gi­ni; e que­sto no­stro po­po­lo, pro­ver­bial­men­te ope­ro­so, porta l’e­re­di­tà gran­dis­si­ma, aper­ta e ci­vi­lis­si­ma di una gran­de tra­di­zio­ne cul­tu­ra­le che me­glio do­vreb­be es­se­re dif­fu­sa nella scuo­la del­l’ob­bli­go, ri­fiu­tan­do ogni ot­tu­sa ca­ri­ca­tu­ra che lo vuole con­ta­di­no igno­ran­te o sgob­bo­ne vo­ta­to al la­vo­ro. Basti pen­sa­re alla Se­re­nis­si­ma Re­pub­bli­ca di Ve­ne­zia, en­ti­tà sta­ta­le forte per i suoi com­mer­ci, per la sua cul­tu­ra e l’o­spi­ta­li­tà con­ge­ni­ta, più pe­ne­tran­te e du­re­vo­le delle armi; uno stato che ac­co­glie­va Ga­li­leo e pro­teg­ge­va la ri­cer­ca scien­ti­fi­ca, fon­da­men­ta­le ieri come oggi. E che dire dei no­stri che si sono di­stin­ti nelle arti e nella co­no­scen­za? Il pa­do­va­no An­drea Pal­la­dio, l’ar­chi­tet­to per an­to­no­ma­sia, ha im­pres­so il suo segno in­con­fon­di­bi­le, de­sti­na­to a du­ra­re nei se­co­li, alle ville e ai pa­laz­zi di tut­t’Eu­ro­pa, e, ai gior­ni no­stri, il ve­ne­zia­no Carlo Scar­pa ha fatto co­no­sce­re al mondo in­te­ro la gran­dez­za della sua crea­ti­vi­tà. Ti­zia­no Ve­cel­lio, ca­do­ri­no, ri­trae­va su loro sup­pli­ca i po­ten­ti del suo tempo, e An­to­nio Ca­no­va, l’in­si­gne scul­to­re di Pos­sa­gno, fu anche il gran­de ne­go­zia­to­re eu­ro­peo senza il quale al­l’I­ta­lia non sa­reb­be­ro stati re­sti­tui­ti gli ine­sti­ma­bi­li ca­po­la­vo­ri raz­zia­ti da Na­po­leo­ne. Cin­que­cen­to anni fa, a Ve­ne­zia, lo stam­pa­to­re ed edi­to­re Aldo Ma­nu­zio ha cam­bia­to il mondo della co­mu­ni­ca­zio­ne e il suo erede vi­cen­ti­no, Fe­de­ri­co Fag­gin, negli anni ’70 crea il mi­cro­chip. Da Vi­val­di a Tar­ti­ni fino a Ma­li­pie­ro e a Luigi Nono, anche nel campo della mu­si­ca l’Eu­ro­pa deve al Ve­ne­to tan­tis­si­mo; così come è bene ri­cor­da­re il filo che lega Giam­bat­ti­sta Tie­po­lo, con la sua pre­sen­za a Ma­drid, a Fran­ci­sco Goya, l’ar­ti­sta che ci ram­men­ta che il sonno della ra­gio­ne ge­ne­ra mo­stri. E da Ni­co­lò Tom­ma­seo ad An­drea Zan­zot­to nomi e an­co­ra nomi, tanti che qui non si pos­so­no ci­ta­re e che co­sti­tui­sco­no, in­sie­me al pae­sag­gio e alle città, un pa­tri­mo­nio in­scin­di­bi­le dal­l’Eu­ro­pa, dalle sue di­ver­si­tà e dalle sue in­tel­li­gen­ti au­to­no­mie, valga per tutte la Sco­zia. L’Eu­ro­pa, la no­stra Eu­ro­pa sta cor­ren­do gran­di pe­ri­co­li: “so­vra­ni­smi” e na­zio­na­li­smi tra­ve­sti­ti da de­ma­go­gia sono sem­pre più ag­gres­si­vi. A essi dob­bia­mo con­trap­por­re l’i­dea forte che co­strui­re gli Stati Uniti d’Eu­ro­pa equi­va­le a co­strui­re un fu­tu­ro di pace, si­cu­rez­za, svi­lup­po e mi­glio­re qua­li­tà della vita; ma per rag­giun­ge­re que­sto obiet­ti­vo ser­vo­no nuove spin­te pro­pul­si­ve, che de­vo­no ar­ri­va­re non solo dalla po­li­ti­ca e dalle isti­tu­zio­ni sco­la­sti­che, ma anche dal basso, dai cit­ta­di­ni: e noi in par­ti­co­la­re, forti del no­stro gran­de pas­sa­to, oggi più che mai dob­bia­mo sen­ti­re che l’or­go­glio di es­se­re ve­ne­ti è in­dis­so­lu­bi­le da quel­lo di es­se­re eu­ro­pei, senza ri­ser­ve. Elio Ar­ma­no
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

QUALE EUROPA DI FRONTE ALL’AMERICA DI TRUMP?
Oggi, alle ore 18.00, nella Sala della Carità, in via San Francesco, a Padova. Un dialogo con Enrico Rossi (Presidente della Regione Toscana), Marco Morini (Ricercatore di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università di Padova), Giulio Peruzzi (Professore universitario) e Valeria Zampieri (Dottoressa in Scienze Politiche).
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Flavio Zanonato ha aggiunto 2 nuove foto. ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Triste usare le sofferenze dei bimbi per fare campagna elettorale
di PAOLO GIA­RET­TA
Usare le sof­fe­ren­ze dei bam­bi­ni e delle loro fa­mi­glie per fare cam­pa­gna elet­to­ra­le non si era an­co­ra visto. Ma per il peg­gio c’è sem­pre una pos­si­bi­li­tà, pur­trop­po. Il si­pa­riet­to of­fer­to dal can­di­da­to sin­da­co Mas­si­mo Bi­ton­ci, in com­pa­gnia del pre­si­den­te della com­mis­sio­ne sa­ni­tà della Re­gio­ne, del pre­si­den­te della Fon­da­zio­ne Città della Spe­ran­za e dalla vi­ce­di­ret­tri­ce del­l’I­sti­tu­to di Me­di­ci­na Mo­le­co­la­re è di que­sta na­tu­ra. Ma­ga­ri si ri­sol­ves­se fi­nal­men­te e con ur­gen­za il pro­ble­ma dram­ma­ti­co della pe­dia­tria pa­do­va­na. La sa­ni­tà re­gio­na­le, da sem­pre nelle mani della Lega, ha ver­go­gno­sa­men­te tra­scu­ra­to que­sta strut­tu­ra. Ora si pro­met­te un pron­tis­si­mo in­ter­ven­to. Anzi sa­reb­be l’an­ti­ci­po del tra­sfe­ri­men­to del­l’O­spe­da­le a Pa­do­va est e del suc­ces­si­vo tra­sfe­ri­men­to del San­t’An­to­nio in via Giu­sti­nia­ni. Com­ples­sa ope­ra­zio­ne per la quale come è noto non c’è nulla di so­li­do: pro­get­ti e soldi. C’è solo una cosa che è stato chia­ma­to ac­cor­do di pro­gram­ma, che è al mas­si­mo una let­te­ra d’in­ten­ti in at­te­sa di ap­pro­va­zio­ne piena di con­di­zio­ni, di se e di ma. Spe­ria­mo che siano veri i soldi per Pe­dia­tria, che sa­reb­be­ro poi quel­li che do­ve­va­no ser­vi­re per ini­zia­re il nuovo ospe­da­le. Di­spia­ce che a que­sto si­pa­riet­to si siano pre­sta­te delle per­so­ne che avreb­be­ro il do­ve­re di non coin­vol­ge­re in cam­pa­gna elet­to­ra­le le isti­tu­zio­ni che rap­pre­sen­ta­no. La dot­to­res­sa Viola vi­ce­di­ret­tri­ce del­l’I­sti­tu­to di Me­di­ci­na Mo­le­co­la­re dice che era pre­sen­te solo per­ché ri­tie­ne im­por­tan­te il dia­lo­go tra ri­cer­ca e l’am­mi­ni­stra­zio­ne della città. Giu­sto, spero però si sia resa conto che non ha in­con­tra­to l’am­mi­ni­stra­zio­ne della città ma sem­pli­ce­men­te un can­di­da­to sin­da­co. Il Vimm, splen­di­da real­tà do­vu­ta alla lun­gi­mi­ran­za del prof. Pa­ga­no, è una delle ec­cel­len­ze pa­do­va­ne che ci fanno co­no­sce­re in tutto il mondo. È un pa­tri­mo­nio di tutta la città, evi­tia­mo di coin­vol­ger­lo nelle pic­co­lez­ze della cam­pa­gna elet­to­ra­le. Il Pre­si­den­te della Fon­da­zio­ne Città della Spe­ran­za as­si­cu­ra che la Fon­da­zio­ne sarà sem­pre al fian­co di Bi­ton­ci e Boron. Li­be­ro il dot­tor Fran­co Ma­sel­lo na­tu­ral­men­te di es­se­re un elet­to­re, fi­nan­zia­to­re, so­ste­ni­to­re della Lega. Ma do­vreb­be evi­ta­re di coin­vol­ge­re una Fon­da­zio­ne che si trova a pre­sie­de­re pro tem­po­re, che non è di sua pro­prie­tà, ed è il frut­to della ge­ne­ro­si­tà di tanti: isti­tu­zio­ni pub­bli­che, pri­va­ti, azien­de, vo­lon­ta­ri che con de­na­ri, tempo de­di­ca­to, fan­ta­sia e pas­sio­ne hanno fatto della Città della Spe­ran­za quel­la che è. Ha ben ri­cor­da­to Ivo Rossi la na­tu­ra par­ti­co­la­re di una Fon­da­zio­ne pri­va­ta che am­mi­ni­stra fondi lar­ga­men­te pub­bli­ci. Che ha avuto me­ri­ta­ta­men­te dalle isti­tu­zio­ni pub­bli­che ap­pog­gi im­por­tan­ti, a co­min­cia­re dalla scel­ta lun­gi­mi­ran­te di An­ge­lo Bo­schet­ti di do­na­re alla Fon­da­zio­ne un ter­re­no della Zona In­du­stria­le per edi­fi­ca­re la Torre della Ri­cer­ca. Tutti noi, donatori, volontari o semplicemente cittadini di Padova che con le loro tasse hanno contribuito al finanziamento della Città della Speranza, abbiamo il diritto di pretendere che la Fondazione non sia usata per finalità elettorali. Chi lo fa abusa del suo ruolo. Ne approfitto anche per dire che può ben capitare che nella vita delle istituzioni, delle aziende, delle associazioni ad un certo punto diversità di opinioni portino a divorzi in sodalizi precedentemente solidi. Non ho il diritto di giudicare sulle ragioni della rottura tra il dottor Masello e Stefano Bellon. Ho però gli elementi per dire che senza Stefano Bellon la Città della Speranza non sarebbe quella che è: non solo una istituzione di ricerca, ma anche una bella realtà che è entrata nel cuore di tante persone, che l’hanno sentita come motivo d’orgoglio per il proprio territorio. I divorzi capitano, ma i veri leader li sanno gestire con lungimiranza, usando parole di riconoscenza e di rispetto per chi molto ha dato, piuttosto che indispettite parole di rancore. Perché di imprenditori che amministrano risorse pubbliche con istinti padronali ne abbiamo avuto parecchi e quasi sempre alla lunga hanno avuto pessimo esito per le istituzioni che hanno governato. L’ultimo esempio è quello del Cavaliere del lavoro (?) Gianni Zonin.
Paolo Giaretta ex sindaco di Padova già senatore del Pd
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Carissime/i, domani ricorre la giornata mondiale di sensibilizzazione sulla sindrome di Down. Ho fatto un messaggio Twitter che potere vedere. L'idea della Campagna è mettersi due calzini di colore diverso e poi pubblicare una foto o un breve video. Potreste farlo anche voi, ci sono degli hashtag Potete copiare dal mio messaggio e si possono Indicare Altre Persone. Ciao Flavio ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Giovedì 23 marzo, alle ore 18, in Sala della Carità di via San Francesco, 61 a Padova. Vi aspetto! ... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Il PD sta cambiando pelle...
"Minzolini rimane senatore, no dell'aula alla decadenza"
Una brutta deriva
... Vedi di piúVedi meno

Vedi su Facebook

Twitter

TOP